Dall'introduzione delle libera circolazione delle persone con l’UE, non siamo più noi a decidere chi può venire in Svizzera e chi no. Ciò deve finire. L’iniziativa per la limitazione esige che l’immigrazione sia controllata e gestita autonomamente dalla Svizzera.


TG Talk

Il 12.01.2018 ho avuto l'occasione di partecipare al TG Talk di Sacha Dalcol a Teleticino. Argomento in discussione Donald J. Trump e le sue continue dichiarazioni discutibili oltre alla sua presenza al WEF di Davos osteggiata dalla Gioventù socialista e da altri ambienti di sinistra.

 


Articoli in evidenza

Il SISA, “sindacato” giovanile comunista ticinese, l’unico che esiste, ha pensato bene di tornare su una vecchia strada, riattivando il proprio servizio di consulenza per le reclute in difficoltà, e fin qui nulla da ridire. Eccetto che in un loro comunicato i termini e le espressioni utilizzate per descrivere la scuola reclute son del tutto errate.

L’esercito viene descritto come “…un ambiente autoritario e nazionalista, dove chi è incaricato dell’educazione dei giovani gode di potere pressoché illimitato e arbitrario, mentre i diritti delle reclute vengono calpestati di continuo creando un vero e proprio terrore psicologico e fisico costituito di punizioni collettive, masochismo e insulti, dove coloro che desiderano lasciare la scuola reclute vengono intimoriti e impossibilitati ad allontanarsi…”.


Islam in Svizzera

Religione di Stato?

Come ben si sa, la nostra amata Svizzera affonda le sue radici nel cristianesimo.

La nostra bandiera, il Salmo svizzero, il...

Viktor Orbán

Una vittoria

L’Ungheria era chiamata ad esprimersi tramite referendum contro le quote di ripartizione dei migranti imposte da Bruxelles...

Congedi paternità

un valore aggiunto

Nei Paesi scandinavi, la questione dei congedi paternità è ormai una realtà consolidata da decenni. Più della metà dei padri di...